07/06/2018

Metà Italia crede nel governo Conte

Il Presidente Mattarella, garante della Costituzione, riceve l'approvazione del 77% degli italiani. Salvini, ultimo per fiducia fra i ministri.

Non c’è stato un plebiscito, ma è come se gli italiani avessero tirato un sospiro di sollievo: “Finalmente un governo c’è!”. Otto italiani su dieci, pressoché egualmente distribuiti fra tutti i partiti, hanno partecipato a questo evento e oltre cinque su dieci hanno accolto positivamente la notizia della formazione del nuovo esecutivo. Ovviamente le positività si sono distribuite in funzione della popolazione delle singole aree politiche: da una scarsa positività all’interno del centrosinistra ad una assoluta e quasi plebiscitaria positività per gli aderenti al Movimento 5 Stelle.

 

Il plauso al Colle

Un capitolo a parte in termini di giudizio dell’opinione pubblica può essere dedicato al Presidente Mattarella il cui comportamento durante la lunga crisi finita in questi giorni ha avuto l’approvazione di tre italiani su quattro con una netta prevalenza degli italiani a sinistra e di quelli che hanno votato il M5S. Il Presidente della Repubblica, secondo la stragrande maggioranza, si è comportato infatti impeccabilmente nella definitiva nomina di Giuseppe Conte a premier e soprattutto si è dimostrato garante delle regole contenute nella Costituzione.

 

La squadra dei ministri

Veniamo adesso all’esplorazione del futuro: il governo Conte parte bene, in quanto il Presidente del Consiglio registra un punteggio di fiducia superiore al 50 per cento o con particolari punte nel centrodestra e fra gli aderenti al M5S. I suoi ministri partono a loro volta bene, con punteggi tendenzialmente alti (il primo della classe, Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, registra oltre l’80 per cento di fiducia e l’ultimo in classifica, Matteo Salvini, raggiunge il 50 per cento), una media di fiducia della nuova lista di ministri oscillante fra il 60 e il 70 per cento è una novità nella nostra classifica e precede di un soffio la classifica dei neoministri dell’ultimo governo Berlusconi all’inizio del loro mandato. Non esistono quindi sorprese negative e la previsione generale sull’esecutivo è ottimistica. Secondo gli italiani il governo Conte sarà migliore del precedente, quello Gentiloni, che in ogni caso ha lasciato un buon ricordo nell’opinione pubblica presa nel suo complesso.

 

Nicola Piepoli